Per numerosi motivi, nell’arco della propria vita ci potrebbe trovare di fronte alla necessità di smontare la cucina. Magari per un trasloco, per il cambio con una nuova o per cambiare il collocamento della cucina stessa all’interno della casa. A prescindere dal motivo, per le complesse operazioni di smontaggio di una cucina è bene affidarsi alle mani esperte di professionisti. Proprio per questo è utili sapere quanto costa smontare la cucina affidandosi a ditte di traslochi in questi servizi.

Prezzi medi per smontare la cucina

Considerando che i costi per smontare una cucina possono variare a seconda della ditta e in base a vari fattori, è possibile comunque analizzare i prezzi medi di questi servizi per farsi almeno un’idea iniziale. Per smontare una cucina, infatti, il prezzo medio può variare dai 450 € ai 650 €. Ovviamente, a questi prezzi indicativi vanno aggiunti i costi della manodopera aggiuntiva nel caso lo smontaggio dovesse richiedere più tempo del previsto ed eventuali servizi extra dove richiesti.

Quali sono i fattori che incidono sul costo di smontaggio

Il costo di smontaggio di una cucina può essere influenzato da diversi fattori:

  • Dimensione della cucina. Tanto più grande sarà la cucina da smontare, maggiore sarà il prezzo del servizio e viceversa.
  • Forme della cucina. Può sembrare strano, ma la forma delle parti da cui è composta la cucina influisce sul costo finale del servizio di montaggio. Se infatti dovessero essere presenti ad esempio armadietti a L o a U, lo smontaggio potrebbe richiedere molto più tempo rispetto ad una semplice cucina del tutto dritta e lineare.
  • Accesso alla cucina. Se la cucina da smontare si trova in una posizione di facile accesso, il costo sarà sicuramente minore. Se invece la cucina dovesse trovarsi in una stanza non immediatamente accessibile o lontano dall’uscita, il tempo impiegato per rimuovere e portare via la varie parti sarebbe maggiore e così anche il costo finale.
  • Rimozione di piastrelle. In alcuni casi, in cucina sono presenti anche delle piastrelle decorative e nel caso si voglia far rimuovere anche quelle il prezzo del servizio di smontaggio aumenterà. Nel caso vogliate rimuoverle per poi utilizzarle da un’altra parte dovrete dire all’artigiano di fare molta attenzione nella rimozione affinché non si rovinino, e una maggiore cura richiederà sicuramente più tempo nella manodopera aumentando i costi.
  • Smaltimento della cucina. Nel caso la cucina smontata non vi serva più, potete decidere di disfarvene da soli portandola nelle apposite isole ecologiche oppure richiederne lo smaltimento alla ditta stessa. Come servizio extra porterà dunque una maggiorazione del costo totale delle operazioni.

Come avviene lo smontaggio di un cucina

Lo smontaggio di una cucina da parte di personale esperto, viene in genere effettuato seguendo delle fasi precise:

  1. Scollegamento di elettricità, acqua e gas: la prima fase dello smontaggio consiste nel chiudere il gas, l’acqua e l’elettricità. Per interrompere la corrente elettrica basta spegnere il relativo gruppo nell’armadio del contatore, per poi rimuovere gli interruttori, le prese e l’illuminazione. Viene poi chiuso anche il gas, così come il rubinetto principale per l’acqua.

 

  1. Smontaggio degli armadi da cucina: i primi elementi soggetti allo smontaggio sono gli armadietti della cucina, dai quali si inizia rimuovendo le ante. In questo modo si risparmia molto peso al momento di togliere gli armadietti dalla parete.

 

  1. Rimozione degli elettrodomestici da cucina:Dopo gli armadietti della cucina si smontano gli elettrodomestici presenti, facendo molta attenzione e maneggiandoli con cura per garantire senza problemi un loro eventuale successivo utilizzo.

 

  1. Rimozione del piano di lavoro:successivamente viene rimossi il piano di lavoro, un’operazione abbastanza semplice se eseguita da mani esperte.

 

  1. Rimozione delle piastrelle della cucina:dove presenti, si effettuerà poi la rimozione delle piastrelle, in maniera delicata e cercando di fare molta attenzione a non rovinarle per poterle poi eventualmente riutilizzare.

Articoli simili